IPERIDROSI

LE CAUSE DEL SUDORE ECCESSIVO

La sudorazione eccessiva, definita iperidrosi, è un fenomeno piuttosto comune – ne soffre circa il 2% della popolazione, ed è attualmente considerata una vera e propria malattia sociale.

Comunemente si pensa che l’iperidrosi sia dovuta all’ansia ed al nervosismo, mentre in realtà avviene il contrario: la sudorazione eccessiva e ingiustificata provoca un tale stato di ansia ed imbarazzo che il paziente resta vittima di un circolo vizioso sempre più incontrollabile.

Ormai è infatti dimostrato che l’iperidrosi è determinata da motivi genetici o costituzionali, che provocano un’aumentata capacità conduttiva del nervo simpatico a causa di una lieve alterazione della sua struttura, definita “ipermielinizzazione” del tessuto nervoso.

NUOVE CURE PER L’IPERIDROSI

Ogni caso è unico e richiede opportuna ed accurata valutazione clinica da parte di un medico esperto. Il Dr. Davoli, in base alla sua vasta esperienza e valendosi di test diagnostici sulla funzionalità del sistema simpatico, può valutare e consigliare l’intervento terapeutico più idoneo.

Vi sono varie terapie che possono ridurre o eliminare temporaneamente il fastidio. Tuttavia oggi si ricorre sempre meno a terapie psicologiche, botulino, creme, antitraspiranti, medicinali, etc., poiché l’intervento chirurgico di clamping del nervo simpatico è la terapia definitiva, riconosciuta dalle più aggiornate linee guida internazionali come la più efficace e corretta per l’iperidrosi.

IPERIDROSI PALMARE

Il sudore eccessivo ed incontrollabile delle mani è chiamato iperidrosi palmare. Spesso si manifesta in età infantile o adolescenziale, e può essere accompagnato da una sudorazione dei piedi altrettanto eccessiva. È la forma di iperidrosi più comune, che si manifesta a vari gradi d’intensità, da una lieve umidità inter-digitale a vero e proprio gocciolamento.

È una condizione che dà profondo imbarazzo e stress emotivo: difatti, le mani sudate o umide possono avere un impatto negativo nella vita sociale e lavorativa della persona che ne soffre.

La terapia per contrastare l’iperidrosi delle mani in modo efficace e definitivo è, oggigiorno, l’intervento chirurgico noto come clamping selettivo del nervo simpatico. Il chirurgo sarà in grado di stabilire a quale livello della catena gangliare intervenire, grazie all’adozione di diagnostica avanzata.

IPERIDROSI CRANIO-FACCIALE

La sudorazione eccessiva del viso e del cuoio capelluto, o iperidrosi cranio-facciale, è un problema comune che può provocare grande stress ed imbarazzo, sia in ambito sociale che lavorativo.

Può manifestarsi sin dalla prima infanzia ed avere carattere ereditario. Inoltre, potrebbe presentarsi associata ad eritrofobia, ossia l’arrossire eccessivo e ricorrente. Spesso la menopausa accentua questo disturbo fino a renderlo continuo ed intollerabile.

La soluzione per eccellenza indicata per l’iperidrosi cranio-facciale è l’intervento di chirurgia mininvasiva conosciuto come clamping selettivo del nervo simpatico in toracoscopia.

L’iperidrosi cranio-facciale presenta spesso quadri clinici piuttosto complessi. Il Dr. Davoli, grazie all’alta esperienza con cui applica questa tecnica, raggiunge un buon successo terapeutico con livelli minimi di sudorazione compensatoria.

IPERIDROSI ASCELLARE

L’iperidrosi delle ascelle si caratterizza come sudorazione fredda, emotiva ed inutile. Nei rapporti interpersonali e nella vita professionale, l’eccessiva sudorazione rappresenta un vero problema che compromette la qualità della vita di chi ne è soggetto. È una condizione molto comune per chi soffre di iperidrosi, e spesso si manifesta in età adolescenziale.

Le cause di questo disturbo sono associate ad iperattività di alcuni gangli nervosi del tronco simpatico, responsabili del controllo delle ghiandole sudoripare. La tecnica chirurgica più avanzata prevede l’applicazione di clips in titanio, che comprimono il nervo simpatico e ne riducono l’impulso nervoso.

Nel corso degli ultimi anni, il Dr. Davoli ha perfezionato la metodica del clamping selettivo del tronco simpatico, con risultati di eccellenza per la soluzione definitiva dell’iperidrosi ascellare.