ERITROFOBIA

Il rossore eccessivo e ricorrente può diventare un disagio che condiziona la vita di chi ne è soggetto, in tutti i suoi ambiti: nel quotidiano, nell’ambiente lavorativo e nelle relazioni sociali. Si tende a pensare che sia provocato da fattori emotivi o timidezza, mentre in realtà si tratta di una reazione fisiologica, con aumentato afflusso di sangue ai capillari del viso.

Il rossore eccessivo è dovuto ad una lieve alterazione della struttura del nervo simpatico, in particolare del 2º ganglio, che provoca un aumento della capacità conduttiva del tessuto nervoso.

NUOVE CURE PER L’ERITROFOBIA

Ci sono varie soluzioni che si possono adattare a ciascun caso, dopo attenta valutazione medica: la psicoterapia, la terapia farmacologica, la chirurgia.

L’intervento chirurgico è considerato dalle attuali linee guida internazionali come la terapia più efficace e corretta per l’eritrofobia. Si tratta infatti del clamping selettivo del tronco simpatico in toracoscopia video-assistita.

La tecnica prevede una leggera compressione del nervo simpatico intra-toracico mediante l’applicazione di clips in titanio. L’attuale aggiornamento delle tecniche chirurgiche rende questo intervento minimamente invasivosicuroreversibile e ad alto tasso di successo (superiore al 96%).